In Defense of Creativity The Nine Workshops / Le Nove Botteghe di Apologia della Creatività

16/6/2020

 

The breaking of the egg, which, when beaten on the edge of the glass, resounds; in the breaking, of the shell and of the membranes of the head, the albumen and the yolk, fall, slipping; the apple, which, during the cutting, produces a sound with a very tasty musical taste; the same cut then, at different rates, with the knife bouncing off the chopping board; the sugar, which inside the sieve sounds just like a shaker; the apple, falling down, bounces off with an opaque but warm sound; the flour poured in a cascade; the milk that, slipping from the jug and shaking a little, is placed on the other ingredients; the mixing of the mixture with the whisk, in a course to chase each other, more and more pasty and dense, as it gradually, scrambled, incorporates air; again the sugar, the egg, then the buttering of the baking sheet producing a broken but rhythmic noise; the movement of the working tools; again the tasty cut of the apple; the falling apple; the flow of liquids; the light resonance of a tool on the glass.

 

The resonance of the ribbon of wrought and laminated gold, which runs inside a roller machine and arrived at the end of the race, succumbs to the force of gravity, in its fall, vibrates rich in resonances, like a musical plate, the fall of some instruments, the beating of the hammer that represents the sounds of various tools: the Hammer, the Beginner, the Intermediate and the Finisher; the attack of the percussive machine that will reduce the piece of gold in a very fine sheet; the acceleration of its blows that intersects with the sounds of other machines; the emergence among these of the plunger, of its intriguing sounds that, joining the others, create particular arrhythmias and syncopes; the handling of the packets of gold leaf, preciously stacked, to be controlled or rearranged and placed again under the machine; again the ribbon, then the muttering rhythm of the machine that in hiccups goes out.

 

The tearing of the canvas, to bring it to the size of the frame; the generous stretching of the fabric put in pull by the stretcher; the animated search for nails that will be used to stop it on the frame; the beating of the hammer; the sliding of oils and solvents with which they will have to deal with the brushes; the light and musical wiggling of the brush in a jar while it is being cleaned; the succession of brushstrokes of different colours; the manipulation of the minerals to obtain the colour; the hammer that breaks them into ever smaller pieces; the transfer of the minerals to the mortar where the pestle, rotating, makes them almost powder; the finishing in the glass grinder, mixing the powder with oils and solvents; the intoxicating rustle of the colour dispensing brush.

 

The resonance of many hammers that hit the chisels; all together, then several blows with various intonations; the collision of the chisel with the marble several times, and the falling of the pieces on the ground; the use of the step working the stone with lines; the finishing of the sculpture with the file and finally the light smoothing with the glass paper of very fine grain.

 

The bumping of a jar with a tool, the squeaking of the gouge, the sudden closing of the clamp, the unrolling of an adhesive tape; the dialogue"; between two planes, one stronger and more authoritarian and the other more gentle and compliant; again the sudden closing of the clamp, the harmonic squeaking against the wood of a gouge; the banging of a tool against a glass jar.

 

The rhythmic pressing of the jigsaw that rubs against the metal to divide it into two pieces; a succession of files of different sizes that rub to smooth it in the desired places; the resonance of the rider against the stem of the ring when it is measured and shaped; the squeaking of the stool of the craftsman; the powerful blowing of the flame to reach the melting temperature at welding; the beating of the hammer to put back into shape the edges of metal, many phrasings of the file.

 

 

The spinning of the grinder that reduces the colored earth to dust; a brush that beats in the glass jar. The opening of the hallucinated door, a chest of precious paintings to be restored; the noise of the woodworm that makes its rhythmic cry; l the opening of the cabinet that contains the various materials; the moving of the tools; the sharpening of the blade of the scalpel with stones of various hardnesses; moving the stones; opening the drawers and moving things; using the brush to clean the layers of dirt in the painting; opening the jar of alcohol and cleaning the painting with the pad, rubbing it with great rhythm; echoing the brush in the jar.

 

The squeaking at the start of the vertical warper; the spinning of the wooden reels that are slowly loaded with thread; the preparation and putting into operation of the horizontal warper together with the signal of the bell; the spinning of light reels threaded on the creel on which the thread is wound with a light sound like the beat of the butterfly wings; the ringing of the metal pendants of the jacquard loom; the rapid sliding of the shuttles in the different looms from one side of the warper to the other; the pedal stroke that starts its movement

 

The resonance of the glasses at the toast; the bang of the cap, which, driven by carbon dioxide, loses control; the noise of the shears on the bunches of grapes; the echoing of the voices of the animals in the countryside; the arrival of the tractor; the pressing of the grapes trampled on by cheerful and amused feet; the creaking of the press; the dripping of the crushed grapes in the vats; the fermenting of the must; the freeing of the bottle from its cap; the pouring of the wine; the resonating of the glasses during the toast.

 

The strident sound of the ISDN signal: the now obsolete connection network, but the first that allowed us to immerse ourselves in the cybernetic universe, makes us reflect on today's behavioral changes, partly due to the passage from the manipulation of materials - previously shaped by hands - to the automatisms of machines.

 

 

Il rompersi dell’uovo, che battuto sul bordo del bicchiere, risuona ; nel rompersi, del guscio e delle membrane testacee, l’albume e il tuorlo, cadono scivolando; la  mela, che durante il taglio, produce un suono dal gustosissimo sapore musicale; lo stesso taglio poi, a vari ritmi, con il coltello che rimbomba sul tagliere; lo zucchero, che all’interno del setaccio suona proprio come uno shaker ; la mela, che cadendo, rimbomba con un suono opaco ma caldo; la farina versata a cascata; il latte  che scivolando dalla brocca  e  agitandosi un po’, si dispone sugli altri ingredienti; il mescolare del composto  con la frusta, in un andamento  a rincorrersi, sempre più pastoso e denso, a mano a mano che, strapazzato, incorpora aria; di nuovo lo zucchero, l’ uovo, poi l’ imburrare la teglia producendo un rumore  scomposto ma ritmato; il muovere degli utensili di lavoro; di nuovo il taglio gustosissimo della mela; la mela che cade; il fluire dei liquidi; il risuonare leggero di un utensile sul vetro. GONG 

 

Il risuonare del nastro dell’oro battuto e laminato, che scorrendo all’interno di una macchina a rulli ed arrivato a fine corsa, soccombe alla forza di gravità; nella sua caduta, vibra ricchissimo di risonanze, come un piatto musicale; il cadere di alcuni strumenti; il battere del martello che rappresenta le sonorità dei vari attrezzi: il Martellino, il Cominciatore, l’Intermedio e il Finitore; l’attacco della macchina percussiva che ridurrà il pezzo d’oro in una finissima lamina; l’accelerazione dei suoi colpi che si interseca con le sonorità di altre macchine; l’emergere tra queste di quella a stantuffo, dei suoi suoni intriganti che, unendosi agli altri, creano particolari aritmie e sincopi; il maneggiare dei pacchetti di foglia d’oro, preziosamente impilati, per esser controllati o risistemati e riposti di nuovo sotto la macchina; di nuovo il nastro, poi il borbottante ritmo della macchina che a singhiozzo si spenge. GONG 

 

Lo strappare la tela, per portarla a misura del telaio; il generoso  stirarsi del tessuto messo in tiro dal tenditela; la movimentata ricerca dei  chiodini che serviranno a fermarla sul telaio; il battere del martello; lo scivolare degli oli e solventi con cui avranno a che fare i pennelli; il leggero e musicale dimenarsi del pennello in un barattolo mentre viene pulito; il susseguirsi di  pennellate dalle coloriture diverse; la manipolazione  dei minerali per ricavarne il colore; il martello che li rompe in pezzetti sempre più piccoli; il travasarli nel mortaio dove il pestello roteando li rende quasi polvere; la rifinitura  nel macinello in vetro mescolando la polvere con oli e solventi; l’inebriante fruscio del pennello dispensatore di colore. GONG 

 

Il risuonare di tanti martelli che colpiscono gli scalpelli; tutti insieme, poi diversi colpi con varie intonazioni; lo scontrarsi dello scalpello con il marmo a più riprese, ed il cadere dei pezzetti per terra; l’utilizzo della gradina lavorando la pietra con rigato; il rifinire la scultura con la lima ed infine il leggero levigarla con la carta a vetro di grana finissima. GONG 

 

 

L’urtare un barattolo con un attrezzo, il cigolio della sgorbia il repentino chiudersi del morsetto, lo srotolarsi di un nastro adesivo; il “dialogo” tra due pialle, una più forte ed autoritaria e l’altra più gentile e accondiscendente; di nuovo il chiudersi repentino del morsetto, l’armonico cigolare contro il legno di una sgorbia; lo sbattere di un attrezzo contro un barattolo in vetro. GONG 

 

Il ritmico incalzare del seghetto che sfrega sul metallo per dividerlo in due pezzi;  un susseguirsi di lime di diverse misure che strusciano per levigarlo nei punti desiderati; il risuonare del cavaliere contro il gambo dell’anello nel momento in cui viene misurato e messo in forma; il cigolare dello sgabello dell’artigiano; il soffiare potente  della fiamma per far raggiungere la temperatura di fusione alla saldatura; il battere del martello per rimettere in forma i lembi di metallo, tanti fraseggi della lima. GONG 

 

Il roteare del macinello che riduce in polvere le terre colorate; un pennellino che sbatte nel barattolo di vetro. L’aprire la porta allucchettata, forziere di preziosi dipinti da restaurare; il rumoreggiare del tarlo del legno che fa il suo verso ritmato; l aprire il mobiletto che racchiude i vari materiali; lo spostare gli attrezzi; l’arrotare la lama dei bisturi con pietre di varie durezze; lo spostare le pietre; l’aprire i cassetti e muovere cose; usare il pennello per pulire gli strati di sporco del dipinto; aprire il barattolo dell’alcool e pulire con il tampone il quadro, strofinando con gran ritmo; il riecheggiare  del pennello nel barattolo. GONG 

 

 

Il cigolare all’avvio dell’orditoio verticale; il roteare delle bobine in legno che lentamente si caricano di filo; la preparazione e messa in funzione dell’orditoio orizzontale insieme  al segnale della campanellina; il roteare di rocchetti leggeri infilati sulla cantra su cui si avvolge il filo con suono leggero come il battito delle ali di farfalla; lo scampanellare  dei pendagli metallici del telaio jacquard; lo scorrere veloce delle navette nei diversi telai da una parte all’altra dell’ordito; il colpo di pedale che ne avvia il movimento. GONG 

 

 

 

Il risuonare dei  calici al brindisi; il botto del  tappo, che spinto dall’ anidride carbonica perde il controllo; il rumore delle cesoie sui grappoli d’uva; il riecheggiare  delle voci degli animali nella campagna; l’arrivo del trattore; la spremitura dell’uva calpestata da piedi allegri e divertiti; lo scricchiolare del  torchio; il colare sgocciolando  dell’uva pestata nei tini; il fermentare del mosto; il liberare la bottiglia dal suo tappo; il versare il vino; il risuonare dei calici al brindisi. GONG 

 

 

Il suono stridente del segnale ISDN: la rete di connessione ormai desueta ma la prima che ci ha permesso di immergerci nell’universo cibernetico, ci fa riflettere sugli odierni cambiamenti comportamentali; in parte dovuti anche al passaggio dalla manipolazione dei materiali- prima plasmati dalle mani- agli automatismi delle macchine. 

 

 

Please reload

© Marina Calamai - Via S.Spirito, 14 - 50125 Firenze (FI) - Tel 055 2396795 - Mob. 333-7395426 - E-mail: info@marinacalamai.it

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Twitter - Black Circle